Elaine Aron

Benvenuti!

Sono Elaine Aron. Ho cominciato a fare ricerca sull’ alta sensibilità nel 1991 e continuo a farne oggi, anche chiamandola Sensory-Processing Sensibility (SPS, termine scientifico del tratto).

Non avevo mai pensato di scrivere tutti questi libri di auto-aiuto su questo argomento, ma coloro che hanno questa caratteristica possono trarre molti benefici da una maggiore conoscenza e informazione a riguardo. Se vi trovate ad essere molto sensibili, o il vostro bambino lo è, forse vi piacerebbe sapere quanto segue:

  •  Il vostro tratto è normale. Si trova in percentuali dal 15 al 20% della popolazione, troppi per essere un disturbo, ma non abbastanza per essere ben compreso dalla maggioranza di coloro che vi circondano.
  • E 'innato. E non appartenente esclusivamente alla specie umana. Infatti, i biologi hanno trovato in più di 100 specie (e probabilmente ne esistono molti di più) dai moscerini della frutta, ad uccelli e pesci per cani, gatti, cavalli e primati. Questa caratteristica rispecchia un certo tipo di strategia di sopravvivenza, riferita ad una maggiore attenzione prima di agire. I cervelli di persone altamente sensibili (HSP) in realtà funzionano in modo leggermente diverso rispetto ad altri.
  • Voi siete più consapevoli di altri dei dettagli. Ciò è principalmente perché il vostro cervello elabora le informazioni e riflette su di esse più profondamente. Quindi, anche se si portano gli occhiali, per esempio, si vede più di altri notando più dettagli.
  • Siete anche più facilmente sopraffatti. Se notate tutto in misura maggiore, vi capiterà  naturalmente di sentirvi più facilmente sovrastimolati quando le cose sono troppo intense, complesse, caotiche, o vi coinvolgono per un lungo periodo.
  • Questa caratteristica non è una nuova scoperta, ma è stata fraintesa. Un HSP preferisce guardare prima di entrare in nuove situazioni, per questo sono spesso stati etichettati come  "timidi”o “introversi”. Ma la timidezza è una caratteristica appresa, non innata. In realtà, il 30% di HSP sono estroversi. E' stato anche chiamato iperinibizione, paura, o nevrosi. Alcuni HSP si comportano in questi modi, ma non è innato e non è la caratteristica di base.
  • La sensibilità è valutata in modo diverso nelle diverse culture. Nelle culture dove non è valorizzata, gli HSP tendono ad avere una bassa autostima. Gli viene detto "non essere così sensibile", quindi si sentono anormali.

Non siete assolutamente soli Decine di migliaia di persone nel mondo hanno sottoscritto la newsletter Comfort Zone.

Dott.ssa Elaine Aron, Psicologa Psicoterapeuta Ricercatrice, ha studiato Psicologia Clinica presso la York University di Toronto e ha conseguito il dottorato di ricerca presso il Pacifica Graduate Institute in Psicologia Clinica del Profondo, così come al C. G. Jung Institute in San Francisco. Ha cominciato i suoi studi sul temperamento innato del tratto "alta sensibilità" nel 1991, e insieme al marito Dr. Arthur Aron sono tra i principali scienziati che studiano la psicologia dell' affettività, amore e delle relazioni intime. Essi  sono inoltre i pionieri nell'uso della Risonanza Magnetica Funzionale applicato allo studio dell'elevata sensibilità e dell'affettività tramite. La dott.ssa Aron mantiene anche parte della sua attività clinica in Mill Valley, California.

Tratto dal recente post di Elaine pubblicato sul suo blog HSP in California:
"We feel so intensely. It is part of why we process everything very deeply—we are more motivated to think about things by our stronger feelings of curiosity, fear, joy, anger, or whatever. But this intensity can be overwhelming, especially when we have negative feelings. That’s why we need to learn emotional regulation skills."

"Sentiamo così intensamente. E' parte del motivo per il quale noi processiamo tutto così profondamente, siamo più motivati a pensare a questi aspetti dalle nostre forti sensazioni di curiosità, paura, gioia, rabbia o altro. Ma questa intensità può diventare sovrastante, specialmente quando abbiamo emozioni negative. Questo è il motivo per cui abbiamo bisogno di imparare strategie per regolare la nostra emotività."

BIBLIOGRAFIA

 

Per ulteriori informazioni visitare il sito:

http://hsperson.com/