Le persone particolarmente sensibili sono state etichettate in tantissimi modi. Le hanno definite fragili, troppo emotive o eccessivamente drammatiche. Ma una persona sensibile non è solo lacrime e sentimenti contrastanti.
Chi ha una personalità empatica è geneticamente predisposto ad agire in un certo modo ed ha un approccio completamente diverso all'ambiente circostante. E non è detto che sia un male.

Ecco una lista di motivi che spiega perché queste persone si comportano diversamente da quelle più “insensibili”.

https://www.google.com/url?q=http://www.huffingtonpost.it/2015/06/12/perche-persone-sensibili-interagiscono-diversamente_n_7569812.html&sa=U&ved=0CAUQFjAAahUKEwiYxb7Z24zGAhVEWxQKHVtKAJg&client=internal-uds-cse&usg=AFQjCNGK2PyjWq6YithRZgNQiQuCX9p9Ig

 

Nei giorni 12 e 13 maggio 2015 si è svolto a Bruxelles il Primo Convegno Internazionale sull'Alta Sensibilità, che ha visto partecipi i principali ricercatori del campo, compresa Elaine Aron. Con piacere condividiamo un articolo pubblicato da "La Stampa" in cui citano l'evento e introducono l'argomento ufficialmente su un media Italiano.

http ://www.lastampa.it/2015/05/20/societa/piangi-spesso-capisci-meglio-il-mondo-26oiqKTmwBmY6E0nNTxIpO/pagina.html